Menu di navigazione

Christmas blues

Negli anni novanta credevo fosse colpa dei regali mai giusti e mai solo per me.

Un anno ho pensato fosse colpa di quella brutta litigata tra mamma e nonno Giacomo.

Negli anni duemila pensavo che fosse colpa della ribellione adolescenziale.

Tra il 2004 e il 2011 pensavo invece che fosse colpa del dover lasciare Bologna per qualche giorno e “dio che dramma! E se poi non riesco a tornare?”

Dal 2012 e il 2015 credevo fosse colpa delle assenze definitive.

Nel 2016 era colpa della depressione, degli attacchi di panico, dei brutti sogni, della vita ferma e lontana.

Oggi, 2017 dopo Cristo, nonostante Paolo, nonostante il sole a Bologna, nonostante la scelta di risparmio giusta e ponderata, nonostante Saturno lontano dal segno della Vergine e quindi alèalèalè, nonostante e finalmente l’attuazione di soluzioni pratiche al Christmas Blues, vorrei come regalo la fine di questo dramma annuale. Andare a letto, dormire, riuscire a dormire, smetterla di sognare, non pensare o pensar bene, o addirittura meglio, vorrei non sentirmi costretta, vorrei litrate di bevande che mi accoppino e quelle però le abbiamo ma non funziona, vorrei non doverlo dire eppure lo dico.

Promesse per il 2018. Risolvere il mio problema con il natale.

Posted on Dic 25, 2017 in Giuro sulla testa dei miei figli | 0 comments

E non abbiam bisogno di parole

Mi manca il cioccare dei piatti la domenica mattina, le cozze gratinate. Mi manca il fresco delle lenzuola stese al sole ad asciugare e poi stirate con la stessa cura con cui si prendeva cura degli altri. Mi manca la sua certezza nel credere che in qualche modo ce l’avremmo fatta, mi manca la zuppa di pesce con la razza e tutto il resto, la focaccia calda del mattino. Mi manca la sua idea di speranza, le verze al vino che non mangiavo, che dopo averci lasciate Luigina ha rifatto e io ne sono andata matta. Mi manca sentirmi in colpa per tutti quei giorni in cui non la chiamavo e mi manca non poterlo più fare. Mi manca l’odore del suo caffè e il suo berlo a sorsini dopo il riposo del pomeriggio. Mi manca non poterle dire che a volte mi sento sola, che sto lavorando tanto e a volte troppo, che se ci fosse ancora non potrei lavorare così tanto perché lei verrebbe prima di tutto. Mi manca non sentire i suoi passi sulle ciabatte consumate, l’odore di fumo di sigaretta sulla giacca da casa grigia, le sue mani ruvide che accarezzavano le mie guance da bambina. Mi manca l’idea di saperla nonna e quanto in Rebecca avrebbe rivisto gli occhi e le stesse espressioni della sua seconda figlia. Mi manca mamma in questi giorni di successi personali, quando tutto il mondo mi dice brava e lei non c’è più e non lo può sapere quanto, tutto sommato, ci sia del vero in quel brava.

Posted on Nov 24, 2017 in La patonza deve girare | 2 comments

Unter den linden

E domani sarà ancora Berlino.

Via tutto, avanti il bello che abbiamo da anni. Unter den linden, spogli, drammatici come l’inverno, viviamo il continente. Fatti ariete per me mio Paolo, l’u-bahn 3 verso Koloniestrasse. Bando ai dispiaceri, mi porti tra le pagine che leggi e i disegni che mi fai. JLo ha un cuore così grande che in due ci staremo benissimo.

Fai la valigia dai, buonanotte.Buonanotte beibi.

Berliner strasse

Posted on Nov 10, 2017 in L'Italia è il paese che amo | 1 comment

Abbiamo fatto di peggio

Non è tanto l’aver compiuto 32 anni che mi preoccupa. Mi preoccupa di più la erre arrotata dei trentatré, quando mi chiederanno “quanti anni hai?” e io non saprò come riuscire a mettere insieme tutte quelle erre e tutte quelle ti.

Però tanti auguri ammè, che spero ancora, che a volte non mi accontento, che nel bilancio trentennale resto, nonostante tutto, ancora una buona persona.

Parigi

Posted on Set 19, 2017 in La patonza deve girare | 0 comments

Paristalgia

Antonellina Pascale

Parigi è stata un colpo al cuore, tra la gola e la pancia. Un per nulla timido urlo quando la torre illuminata ci ha spalancato gli occhi. Le lacrime di chi fino a due giorni prima non si incontrava da anni, una birra in compagnia uno champagne da solo, e che bella compagnia.

Siamo fortunati noi, perché quando viviamo lasciamo affetti amori sorrisi lacrime. Siamo fortunati noi ragazzi di Bologna che da Piazza Verdi ci siamo incontrati dopo anni in un castello di Parigi per dire al nostro cuore che siamo qui per voi, da Madrid Trento Bologna Barletta Roma Namur, siamo tutti qui per voi. Per dirvi che all’amore ci crediamo nonostante tutto e quel ballo, quell’ultimo ballo senza fine, è stato il nostro dirci fedeli a ciò che ci lega da anni.

Che cosa grandiosa i matrimoni a Parigi, se non altro perché dopo i baci e gli abbracci è stato bello dirsi “a presto”. “Oui, a presto?”. “Sì, a presto”.

Tutto l’universo obbedisce all’amore.

Posted on Set 2, 2017 in La patonza deve girare | 0 comments

Effetto cartolina

La dignità, così come il rispetto, si imparano con gli anni e qualche schiaffo in faccia. Niente di grave, giusto il tempo di capire quando si sta superando il limite della decenza, già abbondantemente superato. Ma in tempi di crisi si perdona tutto, in tempi di speranza ci si raggomitola nel letto e non si vuole sapere nemmeno perché.

Saluti.

Posted on Ago 21, 2017 in La patonza deve girare | 0 comments