Antonellina Pascale

Parigi è stata un colpo al cuore, tra la gola e la pancia. Un per nulla timido urlo quando la torre illuminata ci ha spalancato gli occhi. Le lacrime di chi fino a due giorni prima non si incontrava da anni, una birra in compagnia uno champagne da solo, e che bella compagnia.

Siamo fortunati noi, perché quando viviamo lasciamo affetti amori sorrisi lacrime. Siamo fortunati noi ragazzi di Bologna che da Piazza Verdi ci siamo incontrati dopo anni in un castello di Parigi per dire al nostro cuore che siamo qui per voi, da Madrid Trento Bologna Barletta Roma Namur, siamo tutti qui per voi. Per dirvi che all’amore ci crediamo nonostante tutto e quel ballo, quell’ultimo ballo senza fine, è stato il nostro dirci fedeli a ciò che ci lega da anni.

Che cosa grandiosa i matrimoni a Parigi, se non altro perché dopo i baci e gli abbracci è stato bello dirsi “a presto”. “Oui, a presto?”. “Sì, a presto”.

Tutto l’universo obbedisce all’amore.

Posted on Set 2, 2017 in La patonza deve girare | 0 comments