La nostra luna di miele s’è conclusa così.
Lui è il mio Carlo, io sono la sua Sora Lella.
Cimitero del Verano, una lista infinita di persone a cui volevamo portare il nostro saluto.
“Vabbè, noi ce provamo, però me raccomanno Antone’, io non schiodo de qua se non je vado a lascia’ un fiore a Marcellino”.
“Ahò, o sta a dì a me? Proprio ammè? Non te preoccupa’, che o trovamo a Marcellino. E poi però nun me dì niente, io voglio annà a vede’ se Andreotti è morto pe davero”.
“Andreotti? Ma statte zitta va, che voi mette’ Marcellino co’ Andreotti?”.
“Ahò, nun me dì niende. Ci debbo fa ‘na foto che c’ho n’amico che nun ce crede che je morto. Che Andreotti o sai, quello risorge sempre”.
“Evabbè, però prima Marcellino”.
“Sine Pa’, o vojo vede’ pure io a Marcellino e je voglio da’ ‘sto fiore qua che m’a fatto mette’ tra la borsa e la machina fotografica”.
“Ah Pasca’, te sta sempre a lamenta’ ‘tacci tua”.

Dopo un’ora e mezza di tombe e lapidi e monumenti funebri e “anvedi ce sta Foscolo qua! Bella oh ‘sta tomba Pa’, bella proprio. Tu però dije ai miei che io non ‘e voglio tutte ‘ste cose qua. A me me basta che me fate ‘na bella festa, con un sacco de Peroni e ‘na bella focaccia. Poi famme butta’ in mare che tu ‘o sai, ‘o sai quanto me piace anna’ al mare” – “basta che nun me rompe li cojoni pure da morta va” – “anvedi però quanto sei stronzo”…e poi finalmente Marcellino.
Una rosa per lui.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E poi, dopo Marcellino e poco prima di Andreotti.
“Qua ce stanno seimila morti, mo’ un morto o trovamo così? Dai!”
“Mo’ o cercamo no? Ma scusa…a senti fai una cosa, tu vai de là, io faccio de qua, appena la trovamo ce chiamamo. Zitto”.

E visto che quattro giorni a Roma non ci son bastati per mandarci a fanculo, ci prepariamo alla nuova trasferta pasquale bolzanina.
Perché famiglia non è solo quella che ci è capitata. Famiglia è anche tutto ciò che abbiamo scelto, ritagliato e incollato sulle mani, che mi basta un treno e delle braccia lunghe per corrervi incontro e buttarmi nelle vostre braccia spalancate e pronte al regalo che, in quell’abbraccio, avete deciso di farmi.

Posted on Apr 15, 2014 in Si contenga! | 0 comments